Fontina - aggiornato al 17/01/2015

Fontina DOP

Prende il nome da quello di nobili casati e di ricorrenti toponimi della Valle d'Aosta.
E’ un formaggio vaccino a pasta semicotta che, secondo alcune testimonianze storiche, viene prodotto in Valle d’Aosta fin dal XIII secolo.
Ha forma cilindrica con scalzo relativamente basso e concavo, crosta color cuoio, abbastanza morbida e ricoperta da una leggera patina vellutata, naturale.
La pasta, abbastanza morbida ed elastica ai minimi di stagionatura, diventa mantecata e plastica con il passare del tempo, è leggermente adesiva, fondente e abbastanza solubile.
Ha un ricco profilo olfatto-gustativo, intenso e persistente. Su una base di lattico cotto (burro fuso), presenta note animali ed erbacee e, a stagionatura avanzata, sono possibili note ammoniacali. Il sapore è caratterizzato da bassa acidità, elevata dolcezza e qualche eventuale nota amara. Non deve presentare piccantezza.
Oltre ad essere un ottimo formaggio da tavola, ha molti utilizzi in cucina dove viene utilizzata in tantissime preparazioni (primi piatti, antipasti, crostini, bistecche), quando è richiesto un formaggio molto fondente. La ricetta più tipica è la “fonduta”.
Si abbina a vini non troppo strutturati, bianchi, rossi, o rosati.
Abbinamento tradizionale è con i vini del territorio (Blanc de Morgex et de La Salle, Arnad-Montjovet, Chambave, Prëmetta, …).
Marchi
Classificazione
DOP
Nazione:
Italia
Regioni:
Valle d'Aosta
Tipologia di latte
Vacca
Temperatura della cagliata
Pasta semicotta
Consistenza della pasta
Pasta semidura
Tipologia di coagulazione
Presamica
Tempo di stagionatura
Semistagionato
Stagionato
Tenore di grasso
Grasso
Tecnologie di lavorazione
Pressato
Galleria fotografica
Ricerca
Ricerca per nome