Montasio

aggiornato al 15/05/2018

Montasio
Il Montasio DOP è un formaggio vaccino, a pasta semidura o dura (a seconda della stagionatura). Pronto dopo una maturazione minima di 60 giorni, può essere stagionato anche fino a oltre 36 mesi con variazioni significative delle sue caratteristiche. Per contrastare il “gonfiore tardivo” durante la stagionatura è possibile l’utilizzo dell’antibatterico E1105 – LISOZIMA aggiunto in caldaia. Il formaggio Montasio può essere può essere commercializzato con la denominazione “fresco” (stag. minima 60 giorni), “mezzano” (stag. minima 120 giorni), “stagionato” (stag. minima 10 mesi), “stravecchio” (stag. minima 18 mesi).Ha forma cilindrica di 5,5 ÷ 8 Kg che si presenta con crosta sottile, di colore paglierino- nocciola chiaro a seconda delle condizioni di maturazione e della durata della stagionatura. La pasta, compatta e con una rada e leggera occhiatura, è leggermente paglierina, ma diventa più scura prolungando la stagionatura. E’ abbastanza dura, poco adesiva, abbastanza solubile e, a stagionatura più avanzata, diventa friabile rendendone possibile la grattugiatura. Ha odore e aroma caratteristici che diventano più intensi e persistenti al protraendone la stagionatura. Di sapore gradevole, ben equilibrato e non amaro, diventa leggermente piccante a stagionatura avanzata. Viene apprezzato come secondo piatto, accompagnato da pere o frutta secca e, nella cucina regionale, viene usato come ingrediente base per molti piatti tipici oppure usato da grattugia quando la stagionatura ha raggiunto almeno dodici mesi. L’abbinamento tradizionale è con i vini del territorio (es. Refosco dal Peduncolo Rosso o Schioppettino), anch’essi validi rappresentanti della tipicità regionale. Generalmente sono indicati i vini rossi secchi, armonici, di corpo, con buona persistenza aromatica.

Marchi
Classificazione
DOP
Nazione:
Italia
Regioni:
Veneto
Friuli-Venezia Giulia
Province:
Belluno
Padova
Treviso
Venezia
Gorizia
Pordenone
Trieste
Udine
Prodotto
Formaggio
Materia prima
Antibatterico
Latte
Sale
Lattifera
Vacca
Stato del latte
Crudo
Parz. scremato
Temperatura della cagliata
Pasta cruda
Pasta semicotta
Consistenza della pasta
Pasta dura
Pasta semidura
Tempo di stagionatura
Semistagionato
Stagionato
Tenore di grasso
Grasso
Semigrasso
Tecnologie di lavorazione
Pressato
Tipologia di caglio
Vitello
Tipologia di coagulazione
Presamica
Tipologia di crosta
Pulita
Galleria fotografica
Accesso per categoria (da elenco)
DO in esame
DOP
IGP
PAT
Trentino-Alto Adige
Sardegna
Piemonte
Valle d'Aosta
Liguria
Puglia
Lazio
Molise
Abruzzo
Marche
Basilicata
Emilia-Romagna
Umbria
Friuli-Venezia Giulia
Toscana
STG

Ricerca per: