Mozzarella STG

aggiornato al 26/01/2018

Mozzarella STG

La Mozzarella STG è un formaggio da tavola a pasta filata fresca, derivato esclusivamente da latte vaccino intero, che può essere prodotto in tutto il territorio dell’Unione Europea seguendo il Disciplinare registrato. Prima del riconoscimento di Specialità Tradizionale Garantita la denominazione “mozzarella” senza alcuna specificazione, era impiegata per i formaggi a pasta filata che si ottenevano impiegando la tecnica tradizionale di filatura utilizzando latte di vacca, latte di bufala o miscele di questi.
La parola “Mozzarella” deriva dal termine “mozzare”, operazione questa praticata a mano nella fase finale della lavorazione dei formaggi a pasta filata.
Ha forma globosa (a volte con “testina”), a treccia, con superficie liscia e lucente coperta da una sottilissima buccia di colore bianco latte, con rilievi più o meno appariscenti che indicano il punto di distacco della mozzarella dalla massa di pasta filata.
La pasta con struttura tipicamente fibrosa a foglie sovrapposte, che rilascia al taglio e per leggera compressione liquido lattiginoso, ha colore bianco latte, omogeneo, esente da chiazze, striature o occhiature.
La consistenza è morbida e leggermente elastica; il sapore caratteristico, sapido, fresco, delicatamente acidulo; l’odore caratteristico, fragrante, delicato, di latte lievemente acidulo.
Gli elementi di tipicità di questo formaggio sono soprattutto costituiti dalla materia prima impiegata - il latte fresco di bovina -, dall'impiego del caglio bovino liquido, dal lattoinnesto naturale e dalla filatura in acqua bollente, in modo da ottenere la particolare consistenza del prodotto finale e il “bouquet” determinato dalla microflora tipica di questo formaggio.
Oltre ad essere un ottimo formaggio da tavola, accompagnato da verdure crude, o anche solo con olio e erbe aromatiche, grazie alla sua versatilità viene utilizzata in tantissime preparazioni: da appetizer, a condimento per primi piatti freddi o caldi, a ingrediente principe per la pizza, a gustoso condimento per preparazioni al forno a cui contribuisce con la sua attitudine a fondere.
Si abbina generalmente a vini bianchi freschi, abbastanza leggeri, che forniscano una piacevole sensazione acida per contrastarne la decisa tendenza dolce (es. Greco di Tufo, Fiano di Avellino, Asprinio di Aversa, Falanghina).
Marchi
Classificazione
STG
Nazione:
Europa
Regioni:
Prodotto
Formaggio
Materia prima
Latte
Sale
Lattifera
Vacca
Stato del latte
Crudo
Intero
Pastorizzato
Termizzato
Temperatura della cagliata
Pasta cruda
Consistenza della pasta
Pasta molle
Tempo di stagionatura
Freschissimo
Fresco
Tenore di grasso
Grasso
Tecnologie di lavorazione
Pasta filata
Tipologia di caglio
Vitello
Tipologia di coagulazione
Presamica
Tipologia di crosta
Assente
Galleria fotografica
Allegati
Richiesta
Richiesta STG
Accettazione
Accettazione STG
Accesso per categoria (da elenco)
DO in esame
DOP
IGP
PAT
Sardegna
Piemonte
Molise
Abruzzo
Marche
Basilicata
Emilia-Romagna
Friuli-Venezia Giulia
STG

Ricerca per: