Ricotta Romana

aggiornato al 26/01/2018

Ricotta Romana

Il nome deriva dal latino recocta (cotta due volte), in quanto ottenuta dal secondo riscaldamento del siero residuale della cagliatura del formaggio.

La Ricotta Romana DOP si ottiene dal siero di latte intero di pecore allevate su pascoli naturali esclusivamente della regione Lazio; le felici sinergie ambientali che si creano su questi pascoli donano un caratteristico sapore dolce al siero di risulta proveniente dalla lavorazione dei pecorini. Proprio il gusto dolce distingue la Romana dalle altre ricotte.

E’ consentito dal disciplinare, in fase di riscaldamento del siero (50÷60 °C), l’aggiunta di latte intero di pecora in una percentuale massima del 15% sul volume del siero stesso.

La Ricotta si conserva per breve tempo a temperatura di 4÷5 °C, presenta una consistenza grumosa, colore bianco latte, sapore dolce adatto ad essere abbinato quale ingrediente a numerosi piatti e dolci. Da sola trova buona compagnia in pani aromatici e caserecci della tradizione pastorale, con miele o composte.

 

Marchi
Classificazione
DOP
Nazione:
Italia
Regioni:
Lazio
Province:
Frosinone
Latina
Rieti
Roma
Viterbo
Prodotto
Preparazione casearia
Materia prima
Latte
Siero
Lattifera
Pecora
Stato del latte
Intero
Pastorizzato
Termizzato
Consistenza della pasta
Pasta molle
Tempo di stagionatura
Freschissimo
Tenore di grasso
Semigrasso
Tecnologie di lavorazione
Ricotto
Tipologia di coagulazione
Acido-Termica
Tipologia di crosta
Assente
Galleria fotografica
Accesso per categoria (da elenco)
DO in esame
DOP
IGP
PAT
Trentino-Alto Adige
Sardegna
Piemonte
Valle d'Aosta
Puglia
Lazio
Molise
Abruzzo
Marche
Basilicata
Emilia-Romagna
Umbria
Friuli-Venezia Giulia
STG

Ricerca per: