Cacioricotta

aggiornato al 29/01/2018

Cacioricotta

Il Cacioricotta lucano è un formaggio caprino molto particolare, poiché come dice lo stesso nome, ingloba nella cagliata sia la caseina (propria del formaggio), sia le sieroproteine (tipiche della ricotta). Ottenuto da latte caprino di razze miste, di bestiame alimentato a pascolo estensivo naturale, intero, crudo. È prodotto con tecniche di lavorazione miste tra quelle della ricotta e del formaggio tradizionale. Formaggio fresco, o di breve-media stagionatura, a pasta semidura. La zona di produzione comprende tutte le zone interne della Basilicata ed in particolare il Materano. La forma, con crosta rigata, è cilindrica a facce piane, con scalzo di 4÷9 cm, facce di diametro 13÷20 cm e peso di 0,7÷2 kg. Quando il prodotto è fresco (2÷3 giorni) la crosta è morbida, di colore bianco avorio; la pasta è tenera e compatta, con occhiatura fine ed uniforme; il sapore è sapido e leggermente piccante. Quando il prodotto è stagionato (fino a 4 mesi) la crosta è dura, di colore dall'ocra al bruno; la pasta è di consistenza tenace; il sapore è molto sapido e piccante, assumendo interessanti aromaticità. In genere negli allevamenti misti ovi-caprini la produzione di Cacioricotta subentra al Pecorino dopo l’entrata in asciutta delle pecore, nel periodo caldo.
Marchi
Classificazione
PAT
Nazione:
Italia
Regioni:
Basilicata
Province:
Matera
Potenza
Prodotto
Formaggio
Materia prima
Latte
Sale
Lattifera
Capra
Stato del latte
Crudo
Intero
Temperatura della cagliata
Pasta cruda
Consistenza della pasta
Pasta dura
Pasta semidura
Tempo di stagionatura
Semistagionato
Stagionato
Tenore di grasso
Grasso
Tecnologie di lavorazione
Cacioricotta
Tipologia di caglio
Capretto
Tipologia di coagulazione
Acido-Termica
Presamica
Tipologia di crosta
Fiorita
Pulita
Galleria fotografica
Allegati
Accettazione
Accesso per categoria (da elenco)
DO in esame
DOP
IGP
PAT
Sardegna
Piemonte
Molise
Abruzzo
Marche
Basilicata
Emilia-Romagna
Friuli-Venezia Giulia
STG

Ricerca per: