Cascio pecorino lievito

aggiornato al 23/02/2018

Cascio pecorino lievito

Prodotto nell’entroterra riminese, ha un’occhiatura molto accentuata, da sembrare quasi lievitato, da cui il nome di “cascio lievito”. Formaggio grasso, di breve stagionatura, a pasta semidura. Forma cilindrica con facce piane o leggermente convesse di ø 14÷20 cm; scalzo convesso di 6÷10 cm; peso di ̴ 1,5 Kg. La crosta è naturale, compatta, liscia, giallastra e sottile. La pasta è morbida, di colore bianco o avorio, semidura, compatta, abbastanza elastica, untuosa. Occhiatura presente, irregolare, di media grandezza, uniformemente distribuita. Odore e aroma di lattico cotto, burro, con intensità e persistenza medio basse. Il sapore è armonico e gradevole. Si contraddistingue per l'utilizzo di latte crudo e per l'impiego di attrezzi manuali e di caldaie in rame stagnato. Si consuma dopo circa 20÷30 giorni di stagionatura.
Marchi
Classificazione
PAT
Nazione:
Italia
Regioni:
Emilia-Romagna
Province:
Rimini
Prodotto
Formaggio
Materia prima
Latte
Sale
Lattifera
Pecora
Stato del latte
Crudo
Intero
Temperatura della cagliata
Pasta cruda
Consistenza della pasta
Pasta semidura
Tempo di stagionatura
Fresco
Tenore di grasso
Grasso
Tipologia di caglio
Agnello
Capretto
Tipologia di coagulazione
Presamica
Tipologia di crosta
Pulita
Galleria fotografica
Allegati
Accettazione
Accesso per categoria (da elenco)
DO in esame
DOP
IGP
PAT
Trentino-Alto Adige
Sardegna
Piemonte
Valle d'Aosta
Puglia
Lazio
Molise
Abruzzo
Marche
Basilicata
Emilia-Romagna
Umbria
Friuli-Venezia Giulia
STG

Ricerca per: