Caso di Elva

aggiornato al 18/03/2018
Caso di Elva
Il Caso di Elva è un formaggio stagionato, a latte vaccino parzialmente scremato, semigrasso, a pasta cruda e pressata. La forma è cilindrica (diametro di 20÷25 cm) con le forme stagionate “incoronate” (facce depresse rispetto allo scalzo). Il peso è variabile da 2 a 3 kg. La crosta, di colore da giallo chiaro a bruno rossiccio, nel prodotto fresco è sottile e, con la stagionatura, diventa più rigida. La pasta di colore giallo paglierino ha come caratteristica principale la friabilità che favorisce lo sviluppo eventuale di un’erborinatura naturale, provocata dalla fessurazione della crosta. I profumi nel formaggio fresco sono intensi e persistenti e in quello stagionato diventano pronunciati. La stagionatura può durare da uno a diversi mesi (anche fino a un anno).
È uno dei prodotti tradizionali inserito da Slow Food nell'Arca del Gusto per salvaguardarne l’appartenenza alle comunità che li hanno preservati nel tempo.
Marchi
Classificazione
PAT
Nazione:
Italia
Regioni:
Piemonte
Province:
Cuneo
Prodotto
Formaggio
Materia prima
Latte
Sale
Lattifera
Vacca
Stato del latte
Crudo
Parz. scremato
Pastorizzato
Temperatura della cagliata
Pasta cruda
Consistenza della pasta
Pasta molle
Pasta semidura
Tempo di stagionatura
Semistagionato
Stagionato
Tenore di grasso
Semigrasso
Tecnologie di lavorazione
Erborinato
Pressato
Tipologia di caglio
Vitello
Tipologia di coagulazione
Presamica
Tipologia di crosta
Muffettata
Galleria fotografica
Allegati
Accettazione
Accesso per categoria (da elenco)
DO in esame
DOP
IGP
PAT
Trentino-Alto Adige
Sardegna
Piemonte
Valle d'Aosta
Puglia
Lazio
Molise
Abruzzo
Marche
Basilicata
Emilia-Romagna
Umbria
Friuli-Venezia Giulia
STG

Ricerca per: