Caprino presamico (di latte vaccino) di Supino

aggiornato al 07/06/2018
Caprino presamico (di latte vaccino) di Supino
Il formaggio, nonostante il nome faccia pensare ad un formaggio di capra, viene prodotto con latte vaccino soprattutto a causa dell'abbandono degli allevamenti di capre nelle zone di montagna, conservando però sempre lo stesso nome. Si tratta di un formaggio fresco, a pasta molle, non sottoposto alla fase di stagionatura, prodotto da latte vaccino intero e pastorizzato. Si caratterizza per l’assenza di crosta, per una pasta bianca, morbida e compatta e per la frequente aromatizzazione con aggiunta di erbe e spezie quali basilico, origano, timo, erba cipollina, rucola, erbe spontanee commestibili, pepe verde, peperoncino ecc. Ha forma cilindrica, facce piane di diametro di 8÷12 cm, scalzo diritto con spigolo arrotondato e peso di circa 250 g. È un formaggio con utilizzo prevalente “da tavola”, con gusto dolciastro e poco salato, da consumare freschissimo, in purezza o associato a verdure fresche in insalata. È particolarmente adatto nelle diete ipocaloriche. Si abbina a vini bianchi secchi, di annata.
Marchi
Classificazione
PAT
Nazione:
Italia
Regioni:
Lazio
Province:
Frosinone
Prodotto
Formaggio
Materia prima
Erbe aromatiche
Latte
Sale
Lattifera
Vacca
Stato del latte
Intero
Pastorizzato
Temperatura della cagliata
Pasta cruda
Consistenza della pasta
Pasta molle
Tempo di stagionatura
Freschissimo
Tenore di grasso
Grasso
Tecnologie di lavorazione
Aromatizzato
Tipologia di caglio
Vitello
Tipologia di coagulazione
Presamica
Tipologia di crosta
Assente
Galleria fotografica
Allegati
Accettazione
Accesso per categoria (da elenco)
DO in esame
DOP
IGP
PAT
Trentino-Alto Adige
Sardegna
Piemonte
Valle d'Aosta
Liguria
Puglia
Lazio
Molise
Abruzzo
Marche
Basilicata
Emilia-Romagna
Umbria
Friuli-Venezia Giulia
Toscana
STG

Ricerca per: