Scamorza appassita - Cacetto di Supino

aggiornato al 07/08/2018
Scamorza appassita - Cacetto di Supino
Formaggio grasso, fresco o di breve stagionatura, a pasta semidura, cruda e filata, ottenuto da latte di vacca proveniente dagli allevamenti della Ciociaria, intero, consegnato crudo al caseificio entro 24 ore dalla prima mungitura. Può maturare nel liquido di governo, essere consumata fresca, ma anche “appassita”, cioè lasciata ad asciugare all’aria per 10 giorni. Viene prodotto nel comune di Supino (FR) nelle forme ovoidale o a pera con testina, della lunghezza di circa 8÷10 cm e peso di 0,300 Kg. La superficie esterna è composta da una “pelle”, a volte cerosa, elastica, di colore paglierino. La pasta è semidura, con leggera elasticità, struttura fibrosa a foglie sottili, di colore bianco o avorio. Sapore leggermente saporito con riconoscimenti di lattico cotto, burro. In tavola si degusta in purezza o accompagnata da verdure fresche. Utilizzata anche in cucina. Sono indicati vini bianchi o rossi, secchi, di media struttura, mediamente caldi.
Marchi
Classificazione
PAT
Nazione:
Italia
Regioni:
Lazio
Province:
Frosinone
Prodotto
Formaggio
Materia prima
Latte
Sale
Lattifera
Vacca
Stato del latte
Crudo
Intero
Temperatura della cagliata
Pasta cruda
Consistenza della pasta
Pasta semidura
Tempo di stagionatura
Freschissimo
Fresco
Tenore di grasso
Grasso
Tecnologie di lavorazione
Pasta filata
Tipologia di caglio
Vitello
Tipologia di coagulazione
Presamica
Tipologia di crosta
Assente
Pulita
Galleria fotografica
Allegati
Accettazione
Accesso per categoria (da elenco)
DO in esame
DOP
IGP
PAT
Trentino-Alto Adige
Sardegna
Piemonte
Valle d'Aosta
Puglia
Lazio
Molise
Abruzzo
Marche
Basilicata
Emilia-Romagna
Umbria
Friuli-Venezia Giulia
STG

Ricerca per: