. Onaf

Pecorino delle colline senesi

aggiornato al 15/11/2018
Pecorino delle colline senesi
Formaggio grasso, fresco o semistagionato, a pasta cruda, semidura, prodotto da latte ovino intero, termizzato, coagulato con caglio di agnello. La tradizionalità del pecorino delle Colline Senesi è legata alla particolare tecnica di trasformazione che è rimasta invariata nel tempo e che prevede la stagionatura su assi di abete che influiscono sulla tipicità di questo formaggio. Tra le produzioni tradizionali agroalimentari della Toscana  è il formaggio più conosciuto e commercializzato anche fuori del territorio, grazie alla notevole presenza di greggi in questa parte collinare della regione. Il formaggio si presenta con forma cilindrica, a facce piane del diametro di 12÷18 cm, con scalzo leggermente convesso di 5÷8 cm e peso di 1,0÷2,0 Kg; è commercializzato in due diverse tipologie legate al tempo di stagionatura e con caratteristiche organolettiche abbastanza diverse. Il prodotto “fresco”, stagionato circa 20 giorni, ha crosta morbida ed abbastanza elastica, di colore bianco o paglierino chiaro; pasta tenera, di colore bianco-paglierino, dolce e leggermente acidula, con note aromatiche piuttosto leggere e di tipo lattico. Quello “stagionato”, invece, invecchiato almeno 60 giorni, ha crosta dura, di color giallo bruno o marrone; pasta abbastanza dura e friabile, di colore giallo paglierino; gusto sapido e piccante; intensità e persistenza olfattiva medie, con riconoscimenti di lattico cotto, vegetale (erba), animale (vello di pecora). Come formaggio da tavola viene utilizzato in antipasti o dessert in abbinamento con frutta fresca (pere, uva), spesso accompagnato al miele locale, oppure abbinato a salumi del territorio; nella versione “stagionato”, può essere grattugiato sulla pasta, o come ingrediente di ricette del territorio. Il tipo fresco si abbina con vini giovani, sia bianchi che rossi, di medio corpo, poco caldi; quello stagionato predilige vini rossi, armonici, maturi, di medio corpo, abbastanza caldi.
Marchi
Classificazione
PAT
Nazione:
Italia
Regioni:
Toscana
Province:
Siena
Prodotto
Formaggio
Materia prima
Latte
Sale
Lattifera
Pecora
Stato del latte
Intero
Termizzato
Temperatura della cagliata
Pasta cruda
Consistenza della pasta
Pasta semidura
Tempo di stagionatura
Fresco
Semistagionato
Tenore di grasso
Grasso
Tipologia di caglio
Vitello
Tipologia di coagulazione
Presamica
Tipologia di crosta
Pulita
Galleria fotografica
Allegati
Accettazione
Accesso per categoria (da elenco)
DO in esame
DOP
IGP
PAT
Lombardia
Trentino-Alto Adige
Sardegna
Piemonte
Valle d'Aosta
Liguria
Puglia
Lazio
Molise
Abruzzo
Marche
Basilicata
Emilia-Romagna
Umbria
Friuli-Venezia Giulia
Toscana
STG

Ricerca per: